Quando Brescia ospitò Bobbio, Jemolo e Pasolini